LINGULE, LINGULE, LINGULE, 2019,


Installazione di otto sculture di sapone su fonoassorbente e struttura metallica, misure variabili.

L’iniziale scioglilingua del titolo fa riferimento al possibile loop infinito che si crea nella trasmissione orale.
Una tendenza innata, quasi una maledizione che spinge a rivelare racconti e segreti altrui.
Come il sapone corre di mano in mano, anche le lingue, passano informazioni e racconti.
Ogni lingua porta con sè una storia, ha il suo carattere, lo rivela lo specifico profumo che ciascuna emana di sè.
I segreti sono racchiusi nel materiale fonoassorbente su cui si appoggiano le lingue, anche se, la presenza di fessure laterali nella struttura, ne permette ugualmente la diffusione.
Come le parole anche i racconti non sono visibili, solo il possibile acquirente ne scopre la vera identità e a sua volta può decidere se e come conservarne il segreto.

The initial tongue twister of the title refers to the possible infinite loop that creates in the oral transmission. An innate tendency, almost a curse that pushes to reveal the stories and secrets of others. As soap runs from hand to hand, so languages pass information and stories. Every language carries with it a story, has its own character, this is revealeted from the specific parfume that each emanates from itself. The secrets are enclosed in the sound-absorbing material on which the tongues rest, even if the presence of lateral cracks in the structure allows them to spread. Like the words, even the stories are not visible, only the possible buyer discovers their true identity and can decide whether and how to keep its secret.

Contacts

  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • Vimeo - Black Circle

©  All rights reserved